SOCIETA’ ITALIANA EMBRIOLOGIA RIPRODUZIONE E RICERCA

Embrioni in stato di abbandono

Riportiamo il quesito, così come è stato posto, e relativa risposta ritenendo che sia di interesse generale.

"Quesito legale riguardo la richiesta di stato di abbandono degli embrioni crioconservati:
la richiesta corredata da copia del documento di identità deve essere fatta da entrambi i genitori o basta quella della madre considerato che per legge è lei che può decidere il trasferimento? La coppia in questione è separata."


 

Dott. Giulia Scaravelli, responsabile Registro PMA, risponde:

Al momento non vi è possibilità di definire alcun embrione " in stato di abbandono".
Il DM del 4 Agosto 2004 G. U.  N.200del 26/8/2004 individuava due possibili diverse tipologie di embrioni crioconservati:
  • embrioni che sono in attesa di un futuro impianto;
  • embrioni per i quali sia stato accertato lo stato di abbandono.
Dando successivamente le indicazioni per accertare le condizioni che definivano tale stato.
Per la condizione di abbandono era necessaria la rinuncia scritta al futuro impianto degli embrioni crioconservati di entrambi i membri della coppia di genitori (si parlava della singola donna solo qualora ci si trovasse di fronte ad embrioni prodotti  con seme di donatore e in assenza di partner maschile.)
Tale decreto prevedeva inoltre il trasferimento di tutti gli embrioni in stato di abbandono presso la BIOBANCA NAZIONALE situata presso Il Centro trasfusionale e di immunologia dei trapianti dell'Ospedale Maggiore di Milano.
A tale parte del DM non è mai stata data attuazione, ed inoltre presso il Ministero della Salute vi sono proposte per la modifica del Decreto medesimo.
Attualmente quindi tutti gli embrioni crioconservati se non sono utilizzati all' interno di un progetto parentale devono rimanere crioconservati presso il medesimo Centro di PMA che li ha prodotti, salvo poi eventualmente essere trasferiti  con il consenso sempre di entrambi i membri della coppia presso altro Centro di PMA o in Italia o all' estero purchè tale Centro sia in regola con la normativa europea sulla qualità e sicurezza delle cellule.

AVVISO AI SOCI

Per effettuare il primo accesso all’Area Riservata occorre registrarsi tramite lo specifico link che è stato inviato da parte della segreteria alla email dei singoli soci. In caso di regolarizzazione sarà necessario attendere la verifica dell'avvenuto pagamento. In caso di mancato ricevimento o per avere ulteriori informazioni si prega di contattare all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..  

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookies.